Aderisci al Gruppo Facebook "Una copia della Costituzione Italiana al muro di ogni aula scolastica"

Un punto d'incontro per contribuire a favorire la comunicazione, l'informazione e la diffusione della Cultura in tutti i suoi aspetti, semplicemente proponendo degli argomenti anche attraverso l'espressione di idee ed opinioni.

________________________________________________________________________

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà: se ce n'è uno è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne.
Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.
Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno e farlo durare e dargli spazio".
Italo Calvino da: Le città invisibili (1972)

_______________________________________________________________

"Animale politico" e "Uomo politico" ...

"Animale politico" e "Uomo politico" ...
Nelle società cosiddette civili l' Uomo è un "Animale Politico", anche colui che si astiene poichè, suo malgrado, contribuisce comunque, non partecipando, alla qualità della Politica.
Egli, l'Uomo, è, francamente detto, un'essere imperfetto quindi indotto a sbagliare, quando non lo fa volutamente può, prima o poi, comunque stancarsi e cedere, per i suoi umani limiti, alle occasioni che la vita gli offre.
Ciò vuol dire che l' Uomo spesso fallisce, ma questo non esclude sia suo Diritto e Dovere battersi, fino ad allora, per le idee progressiste che possono apportare piccoli o grandi miglioramenti alla Società.
Quando questo avviene egli è diventato un vero "Uomo Politico".

Giovanni Intagliata

______________________________________________________________

La libertà và sempre conquistata

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sulla gestione dei Registri Tumori delle zone industriali

La gestione dei Registri Tumori è giusto che sia a carico del Ministero o di una semplice associazione culturale?
Esprimi la Tua opinione utilizzando la "proposta d'opinione" pubblicata qui a lato
__________________________________________________________________

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sull' "Accorpamento" del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute viene accorpato al Ministero del Welfare. Cosa ne pensi? Esprimi la Tua opinione nella "Proposta d'opinione" qui a lato.
_______________________________________________________________________

Sconcertante denuncia del Prof. Giordano: "i fondi per la Ricerca sul Cancro vanno solo al Nord"

_____________________________________________

_____________________________________________

lunedì 26 ottobre 2009

Qualcuno mostri un calendario 2009 all' On. Bersani ...

(clicca sulla foto)
Pd, Violante: una realtà che serve a tutti gli italiani

Intervista di Monica Guerzoni
Corriere della Sera 27 novembre 2006



«La federazione? Può essere, ispiriamoci al modello europeo». «Sì al Partito democratico ma i Ds non si sciolgono», Violante: fino al 2009 non se ne parla


Presidente Luciano Violante, Piero Fassino ha detto che i Ds non si scioglieranno al congresso del 2007. Conferma?
«Ds e Margherita sono partiti diversi per storia, organizzazione, selezione dei quadri dirigenti, non può esserci un amalgama immediato. Nel 2007 si apre la fase costituente che durerà fino al 2009 e allora assumeremo insieme le decisioni più coerenti».


Nel 2009? A sentire Fassino, sarà l'anno del debutto.
«Ci poniamo l'obbiettivo di essere pronti per le Europee del 2009. Dobbiamo costruire un "partito plurale" nel quale ciascuno possa sentirsi nella propria casa politica. Inoltre in questa fase dobbiamo aprire le porte ad altre forze del mondo politico e della società civile disponibili all'impresa».


Non sarà che rimandate la data dello scioglimento perché in primavera c'è il congresso?
«Prima c'è da spiegare bene perché vogliamo costruire il Partito democratico. In Italia ci sono 21 partiti. Nel centrosinistra come nel centrodestra, visti i problemi di tenuta, si discute di come creare organizzazioni politiche che abbiano una maggiore capacità di rappresentare il Paese. La frammentazione ci rende deboli, nei confronti degli interessi organizzati e anche sul terreno della laicità. La distanza tra politica e società è profonda, siamo in una situazione non distante dalla crisi dei primi anni Novanta».


Il Pd una necessità storica? Mussi, Salvi, Angius, Caldarola e altri non la pensano così.
«Ci terrei molto a convincere Mussi e altri compagni, ma dobbiamo convincere soprattutto l'Italia. Il Pd non è un gioco all'interno dei partiti, ma una realtà che serve a tutti gli italiani. Definirsi riformisti non basta, il riformismo è un metodo, non è un obbiettivo. Dobbiamo ricostruire la dignità del potere pubblico, ridare al sistema parlamentare la capacità di decidere, affrontare la grandi questioni femminile e giovanile, restituire al Paese il diritto di sentirsi rappresentato dal sistema politico».


Intanto però Margherita e Ds sono in piena competizione, Rutelli si smarca e propone le "sue" liberalizzazioni...
«Le liberalizzazioni le ha fatte Bersani. È giusto che anche Rutelli avanzi le sue proposte. Tra noi non c'è solo generosità, c'è anche legittima competizione».


Torniamo al dunque. Quando si sciolgono i Ds?
«Fino al 2009 il tema non esiste. Se dobbiamo fare un partito plurale è evidente che le forze manterranno le loro identità finché non ci sarà un amalgama. Non ci sarà un ukase che imporrà di sciogliere le righe, ma un processo politico».


La gradualità può convincere Angius a ritirare la terza mozione?
«È difficile fare una terza mozione se non conosci il testo della prima. Tantopiù che ragionare in uno schema chiuso non aiuta e le loro istanze potrebbero ben essere rappresentate dalla prima mozione»


.Sarà necessaria una fase di transizione federativa?
«Il modello può essere simile a quello europeo. Alcune decisioni le prendono le singole forze che compongono il Partito democratico, altre si prendono insieme»


.Veltroni e Parisi temono che il Pd si riduca a una federazione.
«Abbiamo il dovere di portare nel Partito democratico tutta la Quercia. Non so se la federazione sia la soluzione giusta, può darsi ce ne siano altre ugualmente utili. Ma discuterei prima quale sia la forma di un partito che ho definito plurale. E poi dobbiamo rispettare la storia di migliaia di compagni e di compagne che hanno fatto dei Ds la propria ragione di vita».


E in Europa? Fassino guarda a un Pse allargato a progressisti e democratici, Rutelli invece pensa a un partito nazionale con grandi alleanze internazionali.
«È altrettanto difficile per noi uscire dal Pse, come per la Margherita entrarvi. L'allargamento del Pse può essere la soluzione decisiva».

1 commento:

Crazy Slots ha detto...

I do not understand something

torna su ...clicca giù

Augusta Viva - 2007 © Copyright - Tutti i diritti riservati
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato, senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base di opinioni, commenti, segnalazioni, contributi culturali mai da ritenersi comunicati stampa giornalistici, ma di aggiornamento occasionale. Pertanto, non può essere considerato, ne si ritiene, in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.

I sondaggi pubblicati in questo sito non hanno alcun valore statistico ne scientifico. Si tratta infatti di argomenti proposti a tutti e non basati su un campione elaborato scientificamente. Il loro unico scopo è di dare ai visitatori un facile strumento per esprimere la propria libera opinione e conoscere quella degli altri su temi di attualità e di cultura.