Aderisci al Gruppo Facebook "Una copia della Costituzione Italiana al muro di ogni aula scolastica"

Un punto d'incontro per contribuire a favorire la comunicazione, l'informazione e la diffusione della Cultura in tutti i suoi aspetti, semplicemente proponendo degli argomenti anche attraverso l'espressione di idee ed opinioni.

________________________________________________________________________

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà: se ce n'è uno è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne.
Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.
Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno e farlo durare e dargli spazio".
Italo Calvino da: Le città invisibili (1972)

_______________________________________________________________

"Animale politico" e "Uomo politico" ...

"Animale politico" e "Uomo politico" ...
Nelle società cosiddette civili l' Uomo è un "Animale Politico", anche colui che si astiene poichè, suo malgrado, contribuisce comunque, non partecipando, alla qualità della Politica.
Egli, l'Uomo, è, francamente detto, un'essere imperfetto quindi indotto a sbagliare, quando non lo fa volutamente può, prima o poi, comunque stancarsi e cedere, per i suoi umani limiti, alle occasioni che la vita gli offre.
Ciò vuol dire che l' Uomo spesso fallisce, ma questo non esclude sia suo Diritto e Dovere battersi, fino ad allora, per le idee progressiste che possono apportare piccoli o grandi miglioramenti alla Società.
Quando questo avviene egli è diventato un vero "Uomo Politico".

Giovanni Intagliata

______________________________________________________________

La libertà và sempre conquistata

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sulla gestione dei Registri Tumori delle zone industriali

La gestione dei Registri Tumori è giusto che sia a carico del Ministero o di una semplice associazione culturale?
Esprimi la Tua opinione utilizzando la "proposta d'opinione" pubblicata qui a lato
__________________________________________________________________

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sull' "Accorpamento" del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute viene accorpato al Ministero del Welfare. Cosa ne pensi? Esprimi la Tua opinione nella "Proposta d'opinione" qui a lato.
_______________________________________________________________________

Sconcertante denuncia del Prof. Giordano: "i fondi per la Ricerca sul Cancro vanno solo al Nord"

_____________________________________________

_____________________________________________

giovedì 11 gennaio 2007

EGREGIO MINISTRO DELL'ISTRUZIONE LETIZIA BRICHETTO ARNABOLDI MORATTI, OGGI LE SCRIVO ...MA NON SOLO A LEI


(Ritengo doveroso e rispettoso anticiparLe, tramite “l’oggetto”, l'argomento che mi ha spinto a scriverLe la presente missiva; potrei, a tal fine, utilizzare "tutela della salute" o "rispetto per l’ambiente", ma, nonostante tratterò anche di questo, ne sarebbe fuori luogo l’utilizzo perché Lei, ovviamente, non è il Ministro della Salute ne dell’Ambiente.Lei è illustre Ministro dell'Istruzione e, per restare in linea con la Sua materia, i termini ideali ritengo siano "istruzione, cultura, progresso"; tuttavia, non potendo dimenticare che, da troppi anni, nelle scuole del “triangolo maledetto” le nozioni d’ecologia, giustamente insegnate nella Scuola Italiana, non trovano affatto riscontro nella nostra realtà locale, sento l’esigenza di aggiungere un altro termine il cui significato, di fatto, si presta molto utilmente a rappresentare, in modo più completo, quanto vorrei comunicarLe e chiederLe; mi permetta, nell’oggetto, aggiungere la parola "ipocrisia".)Oggetto: "istruzione, cultura, progresso, e ipocrisia" ad Augusta-Priolo-Melilli.Egregio ministro, considerato l’alto numero delle “denunce”, che si sono susseguite nel corso degli anni, sulla locale e grave situazione Sanitaria ed Ambientale a cui non e’ mai seguita una logica, conseguenziale ed efficace risoluzione da parte delle Competenti Istituzioni tramite una seria promozione delle strutture sanitarie pubbliche e una seria opera di bonifica ambientale, è con un po’ d’imbarazzo che mi accingo a descrivere, seppur succintamente, la condizione degli abitanti e del territorio di Augusta - Priolo - Melilli, condizione che va contro ogni logica nozione conforme alle regole dell'Igiene e dell’Ecologia. Da circa cinquant’anni questa meravigliosa zona geografica subisce un grave martirio ambientale con conseguenze che, ricadendo sulla salute delle popolazioni ivi residenti, si concretano con un alto tasso di patologie tumorali e un alto tasso di nascite di bambini malformati oltre che con un diffuso inquinamento dell’habitat circostante. Tutto questo a causa di pericolosi e inquinanti impianti industriali che hanno anche reso precaria la sicurezza dei residenti per l’alto rischio d’incidente rilevante e per l’alta sismicità del territorio che li ospita. Non solo, come se ciò non bastasse, oggi si intende sfruttare ulteriormente il nostro territorio favorendo numerosi progetti, nuovi e d’ampliamento, di smaltimento rifiuti urbani e industriali che non porterebbero nessun beneficio alla popolazione ma porterebbero un’ulteriore aggravio dei danni all’ambiente e alla salute oltre che un sicuro aumento del costo del servizio di smaltimento rifiuti, rifiuti che, non considerati risorse tramite raccolta differenziata e riciclaggio che farebbero invece risparmiare in toto come si insegna anche nelle scuole del “triangolo maledetto”, verrebbero inceneriti quasi tal quali, sebbene si decanti altro, producendo letali sostanze.Per quanto sopra esposto mi permetto chiederLe e al contempo suggerirLe di valutare se non sia il caso di emanare una Sua circolare ministeriale in cui vietare l’insegnamento di nozioni di ecologia nelle scuole di tutti gli ordini e gradi dei comuni in oggetto per:1) evitare che si insegnino, di fatto, “nozioni di pura ipocrisia” ai nostri figli/alunni;2) risparmiarci l’imbarazzante compito di spiegare ai nostri figli/alunni perché in materia ambientale, nella nostra zona, “ si predica bene e si razzola male”;3) almeno risparmiarci, dopo il danno, una “materia” che costituisce la beffa;4) destinare quelle ore scolastiche, dedicate fin’ora all’ecologia, ad esercitazioni di protezione civile (evacuazione post terremoto/esplosione, difesa da agenti chimici)Dopo i morti di cancro che l’industrializzazione selvaggia continua a causare è assurdo continuare a leggere e sentire …“non calpestare le aiuole”. Chiedo ai sindaci e al clero di Augusta-Priolo-Melilli, ai presidi e a tutti i docenti delle scuole dei tre comuni, al gruppo DS cui appartengo, al circolo legambiente Augusta, al comitato cittadino contro gli inceneritori di Augusta di aderire pubblicamente a questo cortese suggerimento e di adoperarsi per nuove manifestazioni contro gli inceneritori.
Augusta, 12/10/2005
Cordiali e distinti saluti
Giovanni Intagliata
dei Democratici di Sinistra

torna su ...clicca giù

Augusta Viva - 2007 © Copyright - Tutti i diritti riservati
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato, senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base di opinioni, commenti, segnalazioni, contributi culturali mai da ritenersi comunicati stampa giornalistici, ma di aggiornamento occasionale. Pertanto, non può essere considerato, ne si ritiene, in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.

I sondaggi pubblicati in questo sito non hanno alcun valore statistico ne scientifico. Si tratta infatti di argomenti proposti a tutti e non basati su un campione elaborato scientificamente. Il loro unico scopo è di dare ai visitatori un facile strumento per esprimere la propria libera opinione e conoscere quella degli altri su temi di attualità e di cultura.