Aderisci al Gruppo Facebook "Una copia della Costituzione Italiana al muro di ogni aula scolastica"

Un punto d'incontro per contribuire a favorire la comunicazione, l'informazione e la diffusione della Cultura in tutti i suoi aspetti, semplicemente proponendo degli argomenti anche attraverso l'espressione di idee ed opinioni.

________________________________________________________________________

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà: se ce n'è uno è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne.
Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.
Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno e farlo durare e dargli spazio".
Italo Calvino da: Le città invisibili (1972)

_______________________________________________________________

"Animale politico" e "Uomo politico" ...

"Animale politico" e "Uomo politico" ...
Nelle società cosiddette civili l' Uomo è un "Animale Politico", anche colui che si astiene poichè, suo malgrado, contribuisce comunque, non partecipando, alla qualità della Politica.
Egli, l'Uomo, è, francamente detto, un'essere imperfetto quindi indotto a sbagliare, quando non lo fa volutamente può, prima o poi, comunque stancarsi e cedere, per i suoi umani limiti, alle occasioni che la vita gli offre.
Ciò vuol dire che l' Uomo spesso fallisce, ma questo non esclude sia suo Diritto e Dovere battersi, fino ad allora, per le idee progressiste che possono apportare piccoli o grandi miglioramenti alla Società.
Quando questo avviene egli è diventato un vero "Uomo Politico".

Giovanni Intagliata

______________________________________________________________

La libertà và sempre conquistata

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sulla gestione dei Registri Tumori delle zone industriali

La gestione dei Registri Tumori è giusto che sia a carico del Ministero o di una semplice associazione culturale?
Esprimi la Tua opinione utilizzando la "proposta d'opinione" pubblicata qui a lato
__________________________________________________________________

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sull' "Accorpamento" del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute viene accorpato al Ministero del Welfare. Cosa ne pensi? Esprimi la Tua opinione nella "Proposta d'opinione" qui a lato.
_______________________________________________________________________

Sconcertante denuncia del Prof. Giordano: "i fondi per la Ricerca sul Cancro vanno solo al Nord"

_____________________________________________

_____________________________________________

giovedì 11 gennaio 2007

A proposito di "termovalorizzatore Tifeo".


All' Egregio Dott. Massimo Carrubba primo cittadino di Augusta.
Premetto che non mi sono mai ritenuto altamente competente in materia giuridico-ambientale ma, nonostante ciò, dopo delle brevi considerazioni, vorrei, con il dovuto e lecito interessamento alle vicende ambientali della nostra città e proprio per meglio contestualizzare le singole informazioni, cortesemente chiederLe quelle che a me sembrano delle logiche chiarificazioni, naturalmente non compiacendomi affatto di farlo poichè quest'esigenza è probabilmente segnale di quanto non molto si sia investito nell'Informazione pubblica su materie primarie, come l'Ambiente, e le problematiche ad esse connesse.
Dalla relazione semestrale al 30 Giugno 2006 dell'Actelios spa emerge, come era già noto, che in data 31 maggio 2006 il Commissario Delegato per l'emergenza rifiuti ha emesso l’Ordinanza n. 636 con la quale ordina l’inizio lavori, che riguardano il "Progetto Tifeo", entro il 15 luglio 2006 e fissa nuovamente i termini di inizio del servizio di primo trattamento rifiuti nell'impianto di termovalorizzazione.
In data 17 luglio 2006 la Società ha presentato all’Agenzia Regionale per i rifiuti e la tutela delle acque una richiesta di proroga di 540 giorni rispetto ai termini di inizio del servizio di primo trattamento fissati in Ordinanza. In data 13 settembre l’Agenzia Regionale ha concesso una proroga di 330 giorni.
Considerazioni:
-terminato, il 31 maggio 2006, il regime di emergenza rifuiti in Sicilia e decaduti conseguentemente i poteri assoluti del Commissario Straordinario, termine che, secondo la mia opinione (se non erro), costituisce il ritorno all'appropriazione giuridica da parte dei Sindaci e quindi alla riacquisizione del loro pieno potere delle decisioni su quanto e cosa costruire nel territorio di propria competenza come contemplato dagli Statuti Comunali;
-considerato che il Tar del Lazio si deve ancora pronunciare (gli uffici stampa, o chi di competenza, lo avrebbero prontamente reso noto se così non fosse) in merito al ricorso del Comune di Augusta e di Legambiente, ricorsi sul cui esito tutti gli augustani che si sono battuti contro la continua "colonizzazione" industriale sperano ancora tanto nonostante le sentenze negative ai ricorsi presentati dai comuni di Campofranco e Aragona.
Considerato quanto sopra Le chiedo:
Si è gia avviata e in cosa consiste la campagna ante-operam precedente l'avvio dell'impianto?
Sono in potere giuridico, come è mia opinione, i Sindaci, una volta cessato lo stato d'emergenza rifiuti, di bloccare i lavori di costruzione di termovalorizzatori nel territorio di loro competenza grazie ad una determinazione sindacale o una delibera di Giunta?
A prescindere dal potere dei Sindaci, dopo le sentenze negative ai ricorsi di Campofranco e Aragona sul termovalorizzatore di Casteltermini che costituiscono purtroppo un "precedente" di cui tener conto (precedente che, secondo l'On Cuffaro, mette al "riparo" anche gli altri impianti), che valenza si può ancora dare, secondo la Sua opinione, alla speranza di una sentenza del Tar del Lazio che blocchi definitivamente i lavori del Termovalorizzatore di Augusta?
Sicuro di una Sua cortese delucidazione in merito, delucidazione non necessariamente rivolta ridottamente all'umile sottoscritto ma a tutti coloro i quali, lottando contro la "politica" della termovalorizzazione dei rifiuti (che si continua a non considerare risorse da valorizzare), han contribuito all'impegno per salvaguardare il più possibile quel che rimane dell'integrità del nostro territorio e lo sviluppo economico-sociale che da esso dipende, La ringrazio anticipatamente.

Giovanni Intagliata
27/10/06

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Vorrei solo precisare che l'udienza per il "presunto" ricorso al Tar di Palermo da parte del Comune di Campofranco non si è tenuta in quanto l'avvocato di parte in questo caso si è schierata dalla parte di Cuffaro facendo i propri interessi e non si è presentata all'udienza. Quindi la cosa non è andata avanti in quel senso! Ma fortunatamente con l'aiuto dell'associazione decontaminazione Sicilia e di Italia Nostra il comune di Campofranco ha fatto ricorso (con un altro avvocato) al CGA che è stato accolto e il cantiere di Casteltermini è stato fermato(almeno per il momento).http://www.giustizia-amministrativa.it/WebCGARS/DettaglioRicorso.asp?val=200700128

Comitato Campofranco ha detto...

Vorrei solo precisare che l'udienza per il "presunto" ricorso al Tar di Palermo da parte del Comune di Campofranco non si è tenuta in quanto l'avvocato di parte in questo caso si è schierata dalla parte di Cuffaro facendo i propri interessi e non si è presentata all'udienza. Quindi la cosa non è andata avanti in quel senso! Ma fortunatamente con l'aiuto dell'associazione decontaminazione Sicilia e di Italia Nostra il comune di Campofranco ha fatto ricorso (con un altro avvocato) al CGA che è stato accolto e il cantiere di Casteltermini è stato fermato(almeno per il momento).http://www.giustizia-amministrativa.it/WebCGARS/DettaglioRicorso.asp?val=200700128

torna su ...clicca giù

Augusta Viva - 2007 © Copyright - Tutti i diritti riservati
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato, senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base di opinioni, commenti, segnalazioni, contributi culturali mai da ritenersi comunicati stampa giornalistici, ma di aggiornamento occasionale. Pertanto, non può essere considerato, ne si ritiene, in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.

I sondaggi pubblicati in questo sito non hanno alcun valore statistico ne scientifico. Si tratta infatti di argomenti proposti a tutti e non basati su un campione elaborato scientificamente. Il loro unico scopo è di dare ai visitatori un facile strumento per esprimere la propria libera opinione e conoscere quella degli altri su temi di attualità e di cultura.