Aderisci al Gruppo Facebook "Una copia della Costituzione Italiana al muro di ogni aula scolastica"

Un punto d'incontro per contribuire a favorire la comunicazione, l'informazione e la diffusione della Cultura in tutti i suoi aspetti, semplicemente proponendo degli argomenti anche attraverso l'espressione di idee ed opinioni.

________________________________________________________________________

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà: se ce n'è uno è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne.
Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.
Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno e farlo durare e dargli spazio".
Italo Calvino da: Le città invisibili (1972)

_______________________________________________________________

"Animale politico" e "Uomo politico" ...

"Animale politico" e "Uomo politico" ...
Nelle società cosiddette civili l' Uomo è un "Animale Politico", anche colui che si astiene poichè, suo malgrado, contribuisce comunque, non partecipando, alla qualità della Politica.
Egli, l'Uomo, è, francamente detto, un'essere imperfetto quindi indotto a sbagliare, quando non lo fa volutamente può, prima o poi, comunque stancarsi e cedere, per i suoi umani limiti, alle occasioni che la vita gli offre.
Ciò vuol dire che l' Uomo spesso fallisce, ma questo non esclude sia suo Diritto e Dovere battersi, fino ad allora, per le idee progressiste che possono apportare piccoli o grandi miglioramenti alla Società.
Quando questo avviene egli è diventato un vero "Uomo Politico".

Giovanni Intagliata

______________________________________________________________

La libertà và sempre conquistata

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sulla gestione dei Registri Tumori delle zone industriali

La gestione dei Registri Tumori è giusto che sia a carico del Ministero o di una semplice associazione culturale?
Esprimi la Tua opinione utilizzando la "proposta d'opinione" pubblicata qui a lato
__________________________________________________________________

AugustaVìvã lancia una proposta d'opinione sull' "Accorpamento" del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute viene accorpato al Ministero del Welfare. Cosa ne pensi? Esprimi la Tua opinione nella "Proposta d'opinione" qui a lato.
_______________________________________________________________________

Sconcertante denuncia del Prof. Giordano: "i fondi per la Ricerca sul Cancro vanno solo al Nord"

_____________________________________________

_____________________________________________

giovedì 11 gennaio 2007

L’AUSPICIO DELLA TRASVERSALITA’ SU SICUREZZA, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO

UNA POLITICA COLORE "NEUTRO"
NO A COLORI POLITICI SULLE IMPORTANTI QUESTIONI:
E’ IN GIOCO IL NOSTRO FUTURO E QUELLO DEI NOSTRI FIGLI
Chi pratica attivismo politico non può non rendersi conto che la vera sfida dell’uomo sia impegnarsi e lavorare per migliorare quella “cosa strana”, da cui dipende tutto, che ai cittadini continua a sembrare troppo astratta quindi difficile da comprendere, che è proprio la politica. Se da una parte può esserci una sorta di repulsione, purtroppo per certi versi razionalmente condivisibile, a causa dell’immenso patrimonio che si perde costituito dal prezioso tempo che si impiega per raggiungere obiettivi e costituito da risorse umane e finanziarie investite per ottenere risultati ma che si profondono spesso inutilmente, da un'altra parte c’è la voglia e la passione di voler continuare la battaglia per fare in modo che venga conferita concretezza ai lunghissimi fiumi di parole spese per stilare programmi elettorali o per interminabili “sedute” istituzionali e, grazie a questo conferimento, che venga migliorata quindi la qualità della vita delle popolazioni.In un territorio come il nostro, conosciuto come una famigerata figura geometrica a tre lati che racchiude in sé il dramma “silenzioso” di troppe e nefaste patologie causate da cinquant’anni di industrializzazione selvaggia, chi si interessa di ambiente credo non possa non essere attraversato, almeno inizialmente, da un forte imbarazzo. E' troppo ampio infatti il divario tra l’amore per l’ambiente e la grave situazione del nostro territorio; tuttavia bisogna farsi forza e facendo leva sul nostro “essere ecologista” è necessario prendere "il toro per le corna" continuando l'impegno non solo perché si attui il “salvataggio” del salvabile ma perché si dia corso alle politiche di bonifica ambientale per ripristinare le condizioni più vicine all’originalità di quello che era uno splendido territorio in cui insistevano degli scenari a dir poco paradisiaci che oggi ci sarebbero stati invidiati. Complesso è anche il tema della sicurezza della quale non può non essere protagonista la Protezione Civile; dove più che nella Provincia di Siracusa infatti essa dovrebbe essere all’altezza di garantire l’incolumità delle popolazioni residenti di fronte a qualsiasi evento incidentale? Tuttavia si ritiene che ad oggi quest’efficienza sia ancora insoluta forse per un antico retaggio che suggerisce di “campare alla giornata” anche in settori così importanti. Sicurezza significa tranquillità quindi benessere, basterebbe dare un’occhiata alle statistiche mediche sull’ansia per avere un’idea di come la paura di certi eventi catastrofici sia al primo posto tra le cause di questa patologia.Aver basato quasi esclusivamente sull’industria il nostro sviluppo economico è stato indubbiamente un doppio errore, principalmente perché l’automazione ha sempre più sostituito l’opera dell’uomo secondariamente perché, verificatosi questo, ci si è resi conto di aver trascurato altri indirizzi economici che oggi avrebbero costituito delle basi forti per evitare la crisi generalizzata e per rilanciare l’economia evitando così una nuova, alta e triste emigrazione dei nostri lavoratori giovani e meno giovani. Ecco quindi che oggi gli sforzi da fare sono maggiori, dopo aver irrimediabilmente “guastato” l’ecosistema che avrebbe garantito pesca e agricoltura sana e dopo aver compromesso gli scambi commerciali anche marittimi vista l’inesistenza di fabbriche artigiane grazie alla quale i nostri porti avrebbero acquisito una più alta potenzialità, si deve al più presto dare attuazione ed organizzare delle attrattive per il turismo che non possono non essere costituite dalle ricchezze culturali e storiche di cui la nostra area geografica fortunatamente è ricca.Appare logico, a questo punto, l’auspicio di una maggiore sensibilità politica a fronte di questi temi così importanti per il benessere collettivo. La salute, il lavoro, la qualità dei servizi, la realizzazione personale in tutte le sue forme, in una sola frase LO SPAZIO VITALE dell’essere umano non deve essere suscettibile del colore politico, ecco perché su certe tematiche così primarie l’unico colore dovrebbe essere quello “neutro”, come “neutro” sembra essere diventato il colore politico a proposito di grandi progetti come il Ponte sullo Stretto di Messina o come il Piano Regionale dei Rifiuti con annessi inceneritori o termovalorizzatori che dir si voglia.Buon lavoro a chi spetta farlo.
GIOVANNI INTAGLIATA
COMPONENTE DEL GRUPPO
DIRIGENTE DS AUGUSTA
15/03/05

Nessun commento:

torna su ...clicca giù

Augusta Viva - 2007 © Copyright - Tutti i diritti riservati
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato, senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base di opinioni, commenti, segnalazioni, contributi culturali mai da ritenersi comunicati stampa giornalistici, ma di aggiornamento occasionale. Pertanto, non può essere considerato, ne si ritiene, in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.

I sondaggi pubblicati in questo sito non hanno alcun valore statistico ne scientifico. Si tratta infatti di argomenti proposti a tutti e non basati su un campione elaborato scientificamente. Il loro unico scopo è di dare ai visitatori un facile strumento per esprimere la propria libera opinione e conoscere quella degli altri su temi di attualità e di cultura.